Lettori fissi

sabato 10 dicembre 2016

Scheda Tecnica (XIII): Craws

I Craws sono esche nate per occupare uno spazio importante nel panorama del bassfishing, questo perché la dieta dei bass prevede un posto prioritario per i gamberi d'acqua dolce.

Il Craw è appunto l'imitazione in gomma di un gambero d'acqua dolce, ma la sua forma finale varia molto da un modello ad un altro. La sua lunghezza è compresa solitamente tra i 2 e i 4 pollici, anche se esistono ovviamente versioni ancora più piccole (studiate per il Light Rockfishing) e versioni ancora più grandi (per applicazioni particolari nel bassfishing).

W Craww

Le parti di cui è formato un craw sono il corpo, le zampe (o appendici) e le chele.

_ Il corpo: solitamente è semplice, a sezione circolare, molto simile a quello di un worm o di uno shad. Esistono anche craws con corpo molto dettagliato, la cui forma ricorda esattamente i particolari del carapace e della coda di un gambero. Ritengo i craws con il corpo semplice quelli migliori, perché più facili da innescare rispetto agli altri.

_ Le zampe (o appendici): esistono craws privi di zampe o appendici, come il Black Flagg W Craww in foto, che sono solitamente studiati per l'innesco sui jigs come trailers, perché le appendici non avrebbero utilità rimanendo nascoste sotto al trailer stesso. Esistono poi craws con zampe dritte e semplici, che hanno una valenza prettamente estetica e altri con zampe leggermente vibranti, ossia dotate di una piccola pallina, paddle o escrescenza sull'estremità, in modo da generare una minima turbolenza o una minima vibrazione delle stesse zampe quando l'esca è in movimento.

_ Le chele: esistono chele vibranti, che si muovono grazie allo spostamento dell'acqua, rendendo il craw molto efficace anche in caduta e durante il recupero lineare; chele semplici, senza caratteristiche particolari, e per ultime chele cave, ossia vuote al loro interno, per far si che siano più leggere e tengano sollevata la testa dell'esca quando questa è appoggiata sul fondo, proprio per simulare un gambero in posizione di difesa. Ovviamente ognuna di queste tipologie di chele andrà scelta a seconda del tipo di pesca che vogliamo fare, ad esempio se vogliamo fare una pesca molto lenta sul fondo andranno scelti craws con chele cave, mentre per una pesca molto dinamica o che vuole sfruttare anche la fase di caduta dell'esca sceglieremo craws con chele vibranti.

Ecco ora i 5 inneschi o montanture a cui si presta maggiormente un craw:

_ Jig Trailer: uno degli usi più comuni dei craws è quello che li vede come trailers per i Jigs. Soprattutto nella pesca con i Jigs a contatto con il fondo si tratta di una scelta azzeccata, perché un craw con le chele cave che si posiziona in stand up sul fondo è una tentazione a cui difficilmente un predatore potrà resistere.

_ Weighted Texas Rig: un gambero innescato a Texas piombato permette di pescare i bass negli spots più intricati in completa sicurezza, e allo stesso tempo permette la cattura in mare di grossi pesci di fondale, che con altri inneschi sarebbero difficilmente raggiungibili. Con una piombatura importante infatti, si riescono a raggiungere profondità elevate, con minori possibilità di incaglio rispetto agli altri inneschi che permetterebbero di raggiungere tali profondità (Jig Head Rig, Carolina Rig).

_ Weighted Wacky Rig: in questa definizione voglio comprendere anche il Neko Rig, che pur essendo sostanzialmente differente dal Wacky Rig, rappresenta comunque l'innesco di una softbait per il suo punto mediano con l'aggiunta di un piombo, che nel caso del Wacky Rig sarà sull'amo vicino all'occhiello, mentre nel caso del Neko Rig  sarà in testa alla softbait con l'aiuto di un piombo insert. Queste due tecniche, ma soprattutto il Neko Rig, permettono di simulare alla perfezione il movimento nervoso e a scatti di un gambero.

_ Carolina Rig: questa montatura permette di sfruttare al massimo il movimento che l'innesco Texas spiombato garantisce ad una softbait, abbinato alla possibilità di pescare a stretto contatto con il fondo, con l'utilizzo di un piombo scorrevole di grandi dimensioni posizionato sul filo. Si tratta di una tecnica di "ricerca" che permette di sondare alla perfezione tutto lo strato d'acqua a ridosso del fondale, ossia quello dove solitamente stazionano i gamberi.

_ Jig Head Rig: soprattutto le versioni più piccole di queste esche sono adatte ad essere utilizzate sulle Jig Heads, che rappresentano fondamentalmente dei jigs senza trailers. Anche in questo caso quindi saranno particolarmente indicate le testine con struttura stand-up, ossia a base piatta, che permettono di fare in modo che il gambero punti verso l'alto con le sue chele quando la testina è ferma sul fondo.

Ecco i 5 pesci più facilmente insidiabili con i Craws:

_ Black Bass: come molte altre tipologie di softbaits, anche i craws sono stati concepiti per la cattura del bass. Nei confronti di questo predatore la loro efficacia è indiscutibile, in quasi tutte le stagioni di pesca e con tutti gli inneschi, dal Texas Rig al Wacky Rig, dal Carolina Rig al Drop Shot Rig, e cosi' via. Ciò che conta è capire l'assetto giusto e la piombatura giusta a seconda delle condizioni in cui dovremo pescare.

_ Scorfano: questo pesce di fondale ha una dieta composta per la stragrande maggioranza da crostacei. Un piccolo craw che "cammina" sul fondo sarà un richiamo irresistibile per lo scorfano e porterà a catture assicurate. Il giusto compromesso per quanto riguarda la misura dei craws destinati allo scorfano sono i 3 pollici.

Pesci da HRF: i craws rappresentano solitamente gamberi d'acqua dolce come silhouette, ma ovviamente anche i pesci di fondale marini hanno una grossa parte della loro dieta composta da crostacei. Per questo motivo l'Hard Rock Fishing è una tecnica che si basa principalmente sull'utilizzo di Craws montati a Texas Rig molto piombato. Con questa tecnica si possono catturare in Mediterraneo cernie, grossi scorfani, gallinelle e altri pesci di fondale; mentre in Oceano rappresenta un'ottima scelta per la pesca dei merluzzi e dei grandi pesci piatti.

_ Pesci da LRF: esistono piccoli craws da 1 o 2 pollici di lunghezza nati e concepiti esclusivamente per la pesca a Light RockFishing. I piccoli crostacei sono il cibo prediletto delle prede del Light RockFishing, va da sé quindi che questi micro craws montati su testina piombata e fatti lavorare in prossimità del fondo saranno molto efficaci nei confronti di perchie, sciarrani e altri piccoli predatori.

_ Saraghi: la pesca del Sarago rappresenta un evoluzione del RockFishing tradizionale, con regole tutte sue e luoghi di pesca molto particolari. L'esca scelta per pescare il sarago dovrà fluttuare in mezzo alla schiuma, simulando un organismo in difficoltà tra le turbolenze. Il gamberetto è una delle prede preferite dai saraghi, tanto che un craw da 2" sarà una delle esche migliori da porre sulla nostra jig head per provare la cattura di questo splendido pesce.

Si tratta in definitiva di un'esca più complicata da interpretare rispetto ad un semplice Worm, ma non per questo difficile da utilizzare. Esistono craws di tutte le dimensioni e colori, che potranno essere utilizzati con successo ovunque vi siano pesci la cui dieta comprende gamberi ed altri crostacei.

Alla prossima!

Marco

Nessun commento:

Posta un commento