Lettori fissi

venerdì 23 settembre 2016

Scheda pesce (VI): Tordo Dorato

Con la sesta scheda pesce andrò ad analizzare un altro membro della famiglia dei Labridi, questa volta un cugino molto più piccolo rispetto al Ballan Wrasse e al Cuckoo Wrasse: il Tordo Dorato.

Questo pesce ha poco interesse per quanto riguarda la pesca, non raggiungendo dimensioni interessanti, ma questo appuntamento del venerdi' riguarda maggiormente i pesci piuttosto che la pesca, quindi verranno trattati anche pesci da certi punti di vista poco "sportivi".

Partiamo come al solito con un po' di dati:

Famiglia: Labridae (è una famiglia di pesci immensa, che raggruppa addirittura 71 generi, che abitano i mari e gli oceani di tutto il mondo)
Genere: Ctenolabrus (è un genere molto ristretto, comprende infatti un unica specie!)
Specie: Ctenolabrus Rupestris
Lunghezza massima registrata: 18 cm eccezionalmente (di solito non supera mai gli 11 cm)
Peso massimo registrato: non ha senso parlare di peso per pesci cosi piccoli
Distribuzione: Oceano Atlantico Orientale, ma anche Mediterraneo e Mar Nero, seppur in misura minore
Nome inglese: Goldsinny Wrasse
Nome norvegese: Bergnebb
Riproduzione e maturità sessuale: la riproduzione avviene in Primavera
Età massima registrata: 8 anni
Alimentazione: piccoli crostacei, piccoli molluschi e altri invertebrati.
IUCN Red List: Least Concern (LC): si tratta del livello di rischio minimo, ciò vuol dire che la specie è  abbondante e ben diffusa
Profondità di stazionamento: 0-50 (solitamente gli adulti stanno a profondità maggiori rispetto ai giovani)
Pinne: Un'unica lunga pinna dorsale, pinne pettorali grandi, pinne pelviche in posizione toracica, una sola pinna anale e pinna caudale tronca con bordi arrotondati.
Altre caratteristiche: Il corpo è compresso lateralmente, la bocca è molto piccola rispetto a quella degli altri labridi, ma possiede una doppia fila di denti e labbra molto grandi.
Colorazione: è in genere bruno dorata o arancio sui fianchi, e si scurisce sul dorso. Verso il ventre invece, come per quasi tutti i pesci, si schiarisce e diventa di un bianco madreperlaceo. Sui fianchi sono spesso presenti delle fasce orizzontali abbastanza scure. Ci sono poi due macchie nere, una nella parte superiore del peduncolo caudale e un'altra all'inizio dell'unica pinna dorsale.

Wrasse

Il Tordo Dorato è un pesce raro in Mediterraneo, che però qui in Norvegia e nel Nord Europa è molto comune, e attacca molto spesso le nostre esche, a dispetto delle sue piccolissime dimensioni.

Vive ovunque ci siano alghe, anche nelle acque non propriamente salate delle parti più interne dei fiordi e si ciba di quasi tutti i microorganismi che riesce a trovare.

Questa sua caratteristica lo porta ad essere utilizzato come pesce "pulitore" negli allevamenti di salmoni per i pidocchi di mare. E' molto facile da vedere anche negli acquari, principalmente per lo stesso motivo, ma anche per la sua resistenza, per la sua bellezza e per le sue dimensioni contenute.

Per quanto riguarda la pesca, esso tende a mordicchiare quasiasi esca siliconica che gli capiti a tiro, anche se più grande di lui, capita quindi che a volte rimanga allamato al nostro amo.

Io personalmente non conoscevo questo pesce, quindi, nel momento in cui mi è capitato di catturarlo, mi sono documentato e ho trovato un sacco di informazioni.

Wrasse

Penso che sia in assoluto il labride più aggressivo che io abbia mai incontrato; basti pensare che a volte quando si recupera l'esca velocemente, il tordo dorato salta fuori dall'acqua per provare a mangiarla anche dopo che è uscita dall'acqua, un comportamento molto strano ed estremo, se si pensa alla lentezza e tranquillità che di solito contraddistingue i pesci di questa famiglia.

Nessun commento:

Posta un commento